itende
  • TV - RAI 1, "Tale e Quale Show", il varietà condotto da Carlo Conti prende il via il 17 settembre

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Prende il via venerdì 17 settembre l’undicesima edizione di “Tale e Quale Show”, il varietà di Rai1 prodotto in collaborazione con Endemol Shine Italy che abbina canzoni e travestimenti e che oramai è diventato un cult della televisione, sempre campione d’ascolti e di interazioni social. Padrone di casa, come di consueto, Carlo Conti, che condurrà il programma in diretta dagli studi ‘Fabrizio Frizzi’ di Roma a partire dalle ore 21.25. Otto le puntate totali.

     

    E' tutto pronto per il varietà più inimitabile del piccolo schermo, dove tantissimi miti della musica nazionale e internazionale saranno interpretati da un nuovo cast di Artisti che faranno di tutto per entrare nei panni dei personaggi che ogni settimana dovranno imitare. Gli Artisti che si contenderanno il successo finale sono le cantanti Francesca Alotta e Deborah Johnson (figlia d'arte, il padre è l'indimenticabile Wess), la showgirl Federica Nargi, la conduttrice Stefania Orlando, l'esplosiva Alba Parietti, Dennis Fantina (vincitore della prima edizione di "Amici"), I Gemelli di Guidonia (il trio che ha esordito a "Edicola Fiore"), Biagio Izzo, comico di razza, l'attore Simone Montedoro, volto del cinema e di tante serie TV, l'ex GF Pierpaolo Pretelli, Ciro Priello ("The Jackal", vincitore di "LOL - Chi ride è fuori"). 11 (anzi in realtà 13) Artisti ben assortiti che promettono spettacolo e allo stesso tempo intense emozioni. Di certo tutti hanno le carte in regola per ben figurare ed entrare nella storia di “Tale e Quale Show”.

     

    Novità anche per quel che riguarda la giuria che avrà il compito di osservarli e votarli. Difatti alla regina della televisione Loretta Goggi e allo showman Giorgio Panariello si affiancherà in questa nuova avventura l'effervescente Cristiano Malgioglio. Ma le sorprese non sono finite perché a questo fantastico terzetto si aggiungerà un quarto giudice "Tale e Quale" a sorpresa, diverso di settimana in settimana; quello della prima puntata sarà annunciato il 15 settembre.

     

    E come sempre anche ogni Artista avrà la possibilità di partecipare alle votazioni dando la propria preferenza al collega che vorrà premiare (senza dimenticare la possibilità di ‘auto-votarsi’).

     

    Altra novità di rilievo: da quest’anno anche i telespettatori potranno esprimere le proprie preferenze tramite gli account Facebook e Twitter: le tre esibizioni più ‘acclamate’ da casa porteranno ai tre interpreti rispettivamente 5, 3 e 1 punto.

     

    Al termine di ciascuna puntata il punteggio complessivo più alto decreterà il vincitore di puntata; la classifica generale, data dalla somma dei voti di ciascuna puntata, porterà invece all’elezione del vincitore finale, che sarà proclamato "Campione di Tale e Quale Show 11".

    Anche in questa nuova edizione ci sarà poi uno spin-off, quando entrerà in scena il Torneo con i migliori Artisti della passata edizione; in palio il titolo di "Campione di Tale e Quale Show 2021".

    Da ricordare che, come da prassi, tutti i protagonisti canteranno dal vivo, sulle basi e sugli arrangiamenti realizzati dal maestro Pinuccio Pirazzoli.

     

    Gli Artisti saranno seguiti, nell’arco del loro percorso, dai tutor: i “vocal coach” Maria Grazia Fontana, Dada Loi, Matteo Becucci e la new entry Antonio Mezzancella (già Campione di Tale e Quale Show 2018), oltre naturalmente alla “actor coach” Emanuela Aureli.

     

    Non mancheranno, come di consueto, gli ‘imitatori del web’, che potranno mandare alla redazione del programma le proprie ‘originali’ performance: le più divertenti saranno poi mandate in onda.

     

    “Tale e Quale Show” è su Facebook e Twitter con l’hashtag #taleequaleshow.

    Il sito ufficiale è www.taleequaleshow.rai.it

     

    Prodotto da Rai1 in collaborazione con Endemol Shine Italy e basato sul format Your Face Sounds Familiar di proprietà di Gestmusic, parte di Banijay Group. © 2011 Gestmusic Endemol S.A.U., “Tale e Quale Show” è scritto da Carlo Conti, Ivana Sabatini, Stefania De Finis, Emanuele Giovannini, Leopoldo Siano, Mario d’Amico e Walter Santillo. Le coreografie sono di Fabrizio Mainini, la scenografia di Riccardo Bocchini, i costumi di Simonetta Innocenti. Regia di Maurizio Pagnussat.

  • EVENTO - I Nastri d'Argento premiano a Napoli le "icone" più amate nelle grandi serie

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Nastri d’Argento alle ‘icone’ della grande serialità a Napoli, sabato 18 Settembre, nella prima edizione della manifestazione che i Giornalisti Cinematografici in collaborazione con la Film Commission Regione Campania, dedicano alla produzione che ha cambiato in pochi anni lo storytelling, il mercato e grande pubblico di un nuovo modo di ‘fare cinema’ firmato anche dai grandi autori. A Palazzo Reale una serata di gala con Luca Zingaretti, per i vent’anni del Il Commissario Montalbano, Marco D’Amore e Salvatore Esposito per Gomorra – La Serie, Stefano Accorsi - anche ideatore - per la trilogia 1992, 1993 e 1994, Alessandro Borghi per Suburra - La Serie e Silvio Orlando, per il ruolo del Cardinale Voiello di The Young Pope e The New Pope, del Premio Oscar Paolo Sorrentino. Ma non solo: altri riconoscimenti decisi dai Giornalisti Cinematografici (SNGCI) saranno annunciati da Napoli dove riceveranno i Nastri anche altri protagonisti della serialità che ha conquistato anche il grande pubblico della fiction: tutti i premi saranno annunciati, tra i titoli andati in onda nel 2020 fino al 28 Febbraio 2021, con i primi debutti dell’anno.

     

    Già annunciata la ‘cinquina’ eccellente della serialità internazionale: L’amica geniale, The New Pope, We are who we are, Gomorra – La Serie, Zerozerozero e il premio a Matilda De Angelis per The Undoing - Le verità non dette (poi anche in Leonardo, andata in onda in primavera) per la più sorprendente performance dell’anno. Il Teatro di Corte di Palazzo Reale attende anche gli autori e i produttori, a cominciare da Sky e Rai Fiction che hanno trasformato il territorio in un vero e proprio distretto ideativo e produttivo di alta qualità.

     

    I Nastri Grandi Serie Internazionali, con il sostegno del MiC – Direzione Generale per il Cinema, main sponsor BNL Gruppo BNP Paribas – sono un nuovo evento dei Giornalisti Cinematografici Italiani dedicato alle produzioni italiane che viaggiano nel mondo conquistando sempre di più, con il pubblico, anche i mercati internazionali. Con i più importanti produttori, broadcaster, saranno a Napoli i registi e i talent di un mondo imprenditoriale e creativo che ha cambiato anche il pubblico. 

     

    Un fenomeno degli ultimi anni che ha trovato nella nuova manifestazione promossa dai Giornalisti un premio istituzionale che rinnova i Nastri proprio nell’anno del 75.mo anniversario, con questa prima ‘edizione vetrina’ promossa, non a caso, nella Regione che vanta il fermento più interessante della fiction nazionale, non solo per i set di kolossal. Una Regione, che attraverso la sua Film Commission, i Nastri ringraziano per questa partnership così significativa. 

     

    Dal 2005 a oggi sono mille i progetti sostenuti in Campania, di cui 250 tra film e fiction. Oltre 50 i titoli per la tv, comprese le 5 stagioni di Gomorra, le 2 stagioni de L’amica geniale (di cui la terza è in lavorazione), le stagioni de I Bastardi di Pizzofalcone, che inaugurano proprio lunedì 20 su Rai 1 la terza serie. E le produzioni, oltre ai cast ricchissimi di attori, coinvolgono tecnici e personale in una percentuale che oscilla fra il 40% e il 60% di maestranze del territorio, dalla produzione alla scenografia.

     

    Inaugurare a Napoli questo nuovo capitolo nella storia dei Nastri non è un caso, insomma, ma un modo per dare il via ad un nuovo evento che i Nastri proseguiranno nel tempo dedicando dal prossimo anno selezione e premi, come già avviene (oltre l’appuntamento con i film dell’anno) per Documentari e Cortometraggi “con l’attenzione che meritano tutte le  professionalità” - spiega Laura Delli Colli, Presidente - annunciando per la prossima edizione ‘cinquine’ per tutte le categorie creative e professionali, come da sempre accade per i Nastri dedicati al cinema. Un modo per guardare sempre avanti che non dimentica il talento più giovane: a Napoli anche premi per i protagonisti a cominciare dalle interpreti de L’amica geniale che avranno un riconoscimento speciale dei Nastri insieme a Nuovo Imaie: con Ludovica Nasti e Elisa Del Genio le ex piccole Lila e Lenù i premi andranno anche alla coppia delle due interpreti più grandi Gaia Girace e Margherita Mazzucco. Con SIAE, infine, un Nastro speciale, dedicato alla scrittura. E tra i premi anche l’attenzione della Fondazione Claudio Nobis che affianca da due anni i Nastri e che a Napoli andrà alla fiction più attenta ai giovani.

  • EVENTO - ERUZIONI DEL GUSTO al via con i formaggi di qualità selezionati da ALIMENTALE, al museo ferroviario di Pietrarsa

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Formaggi di qualità ad “Eruzioni Del Gusto” grazie alla partecipazione di Alimentale Forchetta & Cervello. Anche per l’edizione 2021 che da venerdì 17 a lunedì 20 settembre è in cartellone al museo ferroviario di Pietrarsa, sarà possibile conoscere da vicino le specialità selezionate da chi ha messo la qualità, la tracciabilità e la sostenibilità al proprio lavoro. 


    “Riprendiamo il cammino da quella che sta diventando la vetrina del Vero di tutte le grandi produzioni che abbiamo in regione Campania e non solo” spiega l’amministratore di Alimentale Giuseppe Di Bernardo che aggiunge: “Per questo abbiamo scelto di essere ancora una volta al fianco dell’infaticabile organizzatore Carmine Maione, dando il nostro piccolo contributo per arricchire un programma che, edizione dopo edizione, diventa sempre più ricco ed interessante”.

     

    Sul banco di Alimentale ci saranno tutte le chicche selezionate nel corso degli anni da un lavoro certosino sul territorio a cominciare dai formaggi provenienti da razze autoctone in via di estinzione come il Pecorino Bagnolese, tutelato dal bollino “Vero Filiera Sostenibile”.  


    L’evento è promosso dall’associazione culturale Oronero ed intende valorizzare i territori vulcanici italiani partendo dal Vesuvio, dai Campi Flegrei, dalle isole del Golfo di Napoli, coinvolgendo le aree interne e costiere della Campania. Ecco perché Alimentale porterà in prima linea le produzioni lattiero casearie nate sia sotto il Vesuvio che alle falde dell’Etna.“Visto che si parla di Eruzioni del Gusto –conclude Di Bernardo- non mancheranno i nostri Etnei. Prodotti che arrivano da una terra con un vulcano in continua fibrillazione, prodotti unendo tre latti: pecora, mucca e capra. Da provare insieme alle altre nostre delizie”. L'ultimo salto è in Toscana: “Non mancheranno i pecorini toscani in linea con la regione che con la sua vetrina dei prodotti di eccellenza fa capolino in questa edizione della manifestazione”. Un’occasione da non perdere per riprendere il percorso che conduce verso il consumo consapevole delle grandi produzioni di eccellenza

  • SPETTACOLI - Teatro Cilea: apertura nel segno della cultura con “Fellini, la dolce vita di Federico”

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Al via la stagione teatrale del Teatro Cilea. La storica sala del Vomero riapre le porte al suo amato e affezionato pubblico nel segno della cultura, con la danza. In scena nei giorni 16-17e 18 settembre, alle ore 21, ci sarà l’opera “Fellini, la dolce vita di Federico” a cura del Balletto di Siena. 

     

    In occasione dei quarant’anni dalla morte di Nino Rota e degli imminenti cento anni dalla nascita di Federico Fellini, il Balletto di Siena vuole celebrare il genio di queste due figure chiave del cinema e della cultura italiana. Al centro la figura di Federico Fellini, narrata sulle musiche dei compositori che maggiormente hanno musicato i suoi maggiori titoli, Nicola Piovani e, ovviamente, Nino Rota. Filo conduttore del balletto saranno i personaggi principali dell’intramontabile La Strada del 1954, nei quali la stessa Giulietta Masina, moglie e musa del regista riminese, affermò di rivedere Fellini: Gelsomina, la sua giovinezza; il Matto e l’imperterrita volontà di intrattenere e divertire, infine Zampanò, versione cinematografica e saturata di un Federico ormai adulto. Il primo atto si apre sulla vita reale di Fellini, artista disincantato, osservatore delle particolarità di un genere umano reale, non idealizzato. Oniricamente ci ritroviamo nella “galleria”delle figure che compariranno nei suoi film, ognuno con le proprie caratteristiche, quasi grottesche. Gelsomina, piccola e fragile, appare perfino intimorita da un Federico che invece prova profonda corrispondenza verso di lei. Con Gelsomina il regista rivive le emozioni della giovinezza e dell’adolescenza rappresentata nei ragazzini innamorati di “Amarcord”. È poi il turno del Matto, sfrontato e buffo, equilibrista tra l’intrattenimento e il divertimento, il quale porterà il viaggio onirico di Federico a virare verso toni ironici e allegri. Chiude l’atto l’immagine romana de “La dolce vita”, dai toni un pò glamour un po’ amari di Sylvia e Marcello. Nel II atto il viaggio ci porta  alla rappresentazione, enfatizzata, di Zampanò, quasi protettore della dolce Gelsomina: forte, rude, dagli atteggiamenti confusi. “...forse ti vuole bene!” recita il Matto a Gelsomina, con toni fiduciosi e vagamente romantici. Inizia così la chiusura di quest’opera, del confronto di Federico, ormai anziano, con le tre proiezioni del suo essere, caricaturali quanto i personaggi delle sue pellicole neorealiste. Ultimo resterà Zampanò, immagine del Fellini adulto, caricatura di sè stesso allo specchio.

     

    Regia e Coreografia :Marco Batti

    Musica :Nino Rota , Nicola Piovani, Max Richter

    Light Design: Claudia Tabbì

    Costumi: Atelier Retrò

  • L'INIZIATIVA - PrompPerù - Natale 2021: presepe peruviano in scala reale esposto a Città del Vaticano

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Il tradizionale presepe della comunità della regione Huancavelica di Chopcca, situata nel sud del Perù, sarà esposto in Piazza San Pietro a Città del Vaticano durante le prossime festività natalizie. A partire dal 15 dicembre, per 45 giorni, i devoti e i turisti di tutto il mondo assisteranno a questa rappresentazione senza precedenti che metterà il Perù in prima linea tra i fedeli.

     

    Si tratta di una replica in scala reale del tipico presepe huancavelicano di Chopcca, composto da più di 30 pezzi meticolosamente realizzati da cinque artigiani esperti in iconografia huancavelicana, che diventerà l'attrazione centrale nel luogo simbolo della Chiesa Cattolica.

     

    Il Presepe di Chopcca

     

    Tutti i personaggi come la Vergine Maria, San Giuseppe, i Re Magi, lo stesso Gesù Bambino e i pastori, saranno fatti di maguey, modellati in gesso e ricoperti di tessuto, e decorati con gli abiti tipici della comunità Chopcca di Huancavelica. Nella rappresentazione saranno inclusi animali tipici della regione di Huancavelica, come lama, condor, alpaca, vigogne, pecore, viscacce, fenicotteri, oche andine, e sarà ricreato uno spaccato della natura e dell'architettura di Huancavelica, utilizzando materiali come la pietra cancanlla e l'ichu, elementi caratteristici della zona.

     

    È stato lo stesso Stato Vaticano a scegliere di esporre in Piazza San Pietro il presepe della comunità di Chopcca come simbolo della cristianità per il Natale 2021, l’anno del Bicentenario dell'Indipendenza del Perù.

     

    Questa iniziativa è realizzata grazie al lavoro coordinato e trasversale tra il Governo Regionale di Huancavelica, l'Ambasciata del Perù in Italia, l'Ambasciata del Perù presso la Santa Sede, il Ministero della Cultura, il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero del Commercio Estero e del Turismo e PROMPERÚ.

     

    Attraverso questa iniziativa, il Perù porta un messaggio di speranza e di unità in un contesto di crisi globale, con la speranza che presto ci siano le condizioni necessarie per tornare a viaggiare ed esplorare la ricchezza culturale, naturale e gastronomica che il Perù ha da offrire ai viaggiatori di tutto il mondo.

     

    Sulla Comunità di Chopcca

     

    È una comunità alto-andina di lingua quechua, composta da 16 centri abitati. Si trova nella regione di Huancavelica, a nord-ovest di Lima, tra 3.680 e 4.500 metri sul livello del mare e il 75% del suo paesaggio è costituito dalla Cordigliera delle Ande, con un paesaggio caratterizzato da colline, cime e pendii.

     

    I Chopcca sono identificati da un insieme di tradizioni culturali contadine e da un intenso senso di appartenenza. Le loro tradizioni includono il lavoro agricolo e l’allevamento, l'artigianato tessile e l'abbigliamento, la musica e la narrazione orale. Nel 2014, la comunità Chopcca è stata dichiarata Patrimonio Culturale del Perù per la sua unicità, rappresentatività e importanza nella cultura andina.

  • EVENTO - "Aria di San Daniele Pic-Nic", termina in grande stile con l'ultima tappa nella Terra degli Aranci a Napoli

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    “Aria di San Daniele Pic-Nic”, il tour tra gusto e cultura organizzato dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele, termina con l’ultima tappa che avrà luogo a Napoli in data 23 settembre. La cornice scelta per l’occasione è la splendida Terra degli Aranci, una tenuta immersa nel verde del capoluogo campano tra le colline di Vomero e Posillipo, i cui tratti distintivi sono l’eleganza, la sobrietà e l’autenticità. I partecipanti all’evento, chiamati a presentarsi presso la location stabilita a partire dalle 18.00 e non oltre le 20.30, riceveranno un cestino per due persone, dal costo di 44 euro totali con un menù speciale scontato a 13 per i bambini fino agli 8 anni di età, dentro al quale troveranno prodotti tipici del territorio, tra cui tarallini napoletani, Mini bun con Prosciutto di San Daniele, mozzarelle di bufala, sartù di riso o timballi di pasta come alternativa, parmigiana di melanzane e macedonia, oltre a una bottiglietta d’acqua e un quartino di vino o birra a seconda dei gusti e delle preferenze dei presenti. Durante tutta la serata sarà comunque possibile acquistare extra bevande e food.

     

    E non è tutto, infatti chi prenderà parte all’appuntamento avrà anche la possibilità di effettuare una degustazione di Prosciutto di San Daniele grazie a un’apposita postazione di taglio a mano e una a macchina, alle quali ognuno potrà accedere liberamente. Ogni partecipante avrà un plaid riservato, posizionato in modo tale da garantire un adeguato distanziamento interpersonale e offrire così a ciascuno dei presenti un’esperienza da vivere in totale sicurezza e serenità. L’evento, come in occasione delle precedenti tre tappe di Torino, Firenze e Roma tenutasi rispettivamente al Castello di Collegno, in Villa Viviani e in Villa dei Cesari, è a numero chiuso e gli ospiti, a cui sarà richiesto di esibire il Green Pass, potranno partecipare solo tramite prenotazione online attraverso il sito esperienza.com/ariadisandanielepicnic/.

  • MUSICA - In radio dal 17 settembre "Bukowski (nel dubbio bevo)" il singolo de LE TENDENZE contenuto nel loro nuovo album "Inquinamento psicologico"

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    MUSICA - In radio dal 17 settembre "Bukowski (nel dubbio bevo)" il singolo de LE TENDENZE contenuto nel loro nuovo album "Inquinamento psicologico"

    dal 17 settembre in radio

    “BUKOWSKI (nel dubbio bevo)”

    il nuovo singolo de

    LE TENDENZE

    da “Inquinamento Psicologico”

    il nuovo album

    dal 16 settembre in digitale

     

     

    In radio dal 17 settembre “Bukowski (nel dubbio bevo)” il singolo de LE TENDENZE contenuto nel loro nuovo album “Inquinamento psicologico” dal 16 settembre in digitale (distribuito Artist First).

     

    “Bukowski (nel dubbio bevo)” parla di paranoie e di ossessioni. Il testo racconta di pensieri, immagini e metafore che rappresentano il caotico mondo della mente. Le strofe sono cantate in maniera molto riflessiva ed intima, con voci che fluttuano in sottofondo piene di echi, proprio a simulare il rapporto fra noi ed i pensieri negativi. Il riff di violini dà al brano un'atmosfera malinconica e allo stesso tempo sinistra, mentre la batteria hip hop gli dona un'atmosfera ancora più scura ed urban, in virtù del fatto che molte ‘scene’ del testo accadono di notte a Milano.

     

    “La scelta del titolo è una bella storia. Durante una serata con amici verso dicembre 2019 - affermano LE TENDENZE - abbiamo conosciuto il poeta Roland Webster e siamo rimasti colpiti da un suo ‘trafiletto poetico’ che recita: ‘ho letto un racconto di Bukowski, dove una puttana aveva il tuo stesso nome, ho riso, poi pianto. Dimmi te la conclusione…’. La cosa incredibile è che quella frase rappresenta un mood che vivevamo in quel periodo, ovvero tante serate con amici e tante tante paranoie lì sotto a ‘premere’ per uscire. Daniele e Roland si trovarono un pomeriggio per una sessione di scrittura dalla quale uscì un’idea di testo, che poi abbiamo perfezionato e musicato. Bukowski era il personaggio perfetto per rappresentare ossessioni e paranoie e la frase: ‘nel dubbio bevo, nel dubbio annego, ci ubriachiamo con il nostro ego’, non poteva che riassumere tutto il senso del brano. La canzone si potrebbe quasi definire come un ‘thriller d’autore’. Thriller perché le ‘scene’ presenti nel testo sono molto sinistre. D’autore perché ci sono molti passaggi nei quali converge il linguaggio del cantautorato.”

     

    Il brano è contenuto in “Inquinamento psicologico” e questa è la track list: “Voglio Partire”, “Ossigeno (mi sei mancato)”, “Bel ritornello”, “Bugiardo (happy birthday)”, “Flipper Emotivi”, “Bukowski (nel dubbio bevo)”, “Vivere Leggeri”, “John Lennon (mi piace)” e “Samsara”.

     

    “Inquinamento Psicologico” è un concept album dalle sonorità ‘multiface pop’ che parla del rapporto fra noi ed il nostro mondo interiore. Le attività umane inquinano la Terra ogni giorno per colpa del consumismo sfrenato e l'inquinamento ambientale è al centro della nostra vita. Quest'album fa luce su un altro tipo di inquinamento: quello psicologico, cioè l'insieme delle parti interiori inquinate di ogni persona: pensieri negativi, rabbia, odio, invidia, ansia & paranoie. Tutti questi possono essere trasformati in amore! Tutti noi possiamo ricominciare da capo. Sempre.

     

    LE TENDENZE sono i fratelli Saibene, Daniele e Francesco. Nel corso degli anni la loro curiosità e le loro diversità li hanno portati a mescolare tanti stili e a creare la coesione sonora che solo due fratelli possono avere. Daniele, laureato in chimica, vive la musica come un laboratorio in cui creare e sperimentare nuove "formule emotive". Un vero scienziato musicale. Francesco diventa tecnico audio, presagio del fatto che la musica sarebbe stata per sempre al centro della sua vita. Lui è il fantasista sonoro del duo, e anche un discreto boxeur. Produce, suona e mixa i nuovi brani. Le Tendenze nel 2016, aprono i concerti di Adriano Viterbini e Cosmo  all'evento “Polisuona”, e di supporto a Rigo Righetti (storico bassista di Ligabue) durante “Rock in Park”. Nella primavera 2018 esce “LE TENDENZE”, omonimo EP d'esordio, ricco di sonorità elettro-rock, a cui segue un tour di 16 date. Ad ottobre 2018 sono ospiti su Rai2 a “Generazione Giovani” trasmissione condotta da Milo Infante. Ottobre 2019 esce “LA VITA DI UN CLOWN”, a settembre del 2020 lanciano “BUGIARDO (happy birthday)” seguito a novembre da “OSSIGENO (mi sei mancato)”, il 26 Marzo 2021 arriva “VIVERE LEGGERI” e il 4 giugno “VOGLIO PARTIRE”. Il 16 settembre 2021 viene pubblicato “INQUINAMENTO PISCOLOGICO” il loro nuovo album (distribuzione Artist First) con la promozione del singolo “BUKOWSKI (nel dubbio bevo).

     

  • EVENTO - Dal 22 al 25 settembre a Napoli c’è ArkedaOpen House 2021, tour con focus sull'architettura

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Arkeda Open House quest’anno anticipa l’evento anteprima del Salone Arkeda, e si ripropone da mercoledi 22 a sabato 25 settembre 2021, con il consueto messaggio: abitare è un interesse trasversale per tutti, che genera passioni e convivialità. Ideato e organizzato da at&dr, sostenuto da Studio Trisorio, e i partner Leonardo Immobiliare, Tenuta Cavalier Pepe e Masler macchine d’epoca, ha il patrocinio del Comune di Napoli, dell’Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Napoli e Provincia e dell’Oice- Confndustria, oltre alla collaborazione con l’istituto IPSEOA Duca di Buonvicino. Dopo il successo delle scorse edizioni, conferma il focus sull’architettura napoletana, per indagare un tema sempre più necessario e caro, attraverso una serie di appuntamenti dal mattino alla sera, perlopiù nelle zone di Chiaia, Centro e Vomero, ma con interessanti fuori porta, come per sabato 25 dalle 17 allo studio Manuarino Architettura a Monte di Procida, arricchendo la passeggiata culturale. Il braccialetto d’artista per il tour è di Luigi Grossi, originale e significativo nel suo colore giallo vivace e la simbologia propositiva di vita nuova.

     

    Il mondo degli architetti, si apre al pubblico presentando gli studi, le case o i cantieri, raccontati direttamente dai professionisti senza intermediari, per avere finalmente visione diretta e confronto fattivo. L’appuntamento culturale, per i non addetti ai lavori che amano l’architettura e l’abitare contemporaneo, diventa anche un itinerario turistico, per ammirare Napoli “da dentro” in ambienti privati, nonché avendo accesso a scorci e panorami di cui ogni struttura gode. E’ una opportunità unica, che rende attesissima questa edizione settembrina in presenza (rispettando le norme anti Covid), con tour in studi, case e cantieri di architetti, il cui programma è pubblicato sulle pagine social instagram e facebook dedicate e sul sito Arkeda Open House.

     

    A tutti gli incontri gli architetti si interfacciano, presentando caratteristiche e materiali di lavoro a chi desidera in convivialità saper di più circa questo mondo. Il percorso volutamente dal taglio trasversale e vario, mostra una rosa di ambientazioni tra le piu` poliedriche, con diverse tipologie di specializzazioni, tanto da poter considerare esso stesso un surrogato dell’architettura, e non solo informativo, ma anche sociologico e turistico. Ampio come le realtà professionali che partecipano NHP ESCo srl, Studio Bargone Architetti Associati, Ars Constructa di Alfredo Ciollaro e Manuela Tirrito, Valentina Garraffa architetto e lighting designer, lo Studio di Giuliana Morelli, B5 srl di Francesca ed Ugo Brancaccio, Studio KR e Associati S.r.l., EOSS Architettura Studio Associato, Michele Piccolo + Partner 2 DA Lab, SmithBarracco, Od’A Officina d’Architettura, Fabiana Longo e Rosa Troja, Studio Archis di Giuseppe Forte, Interplan 2 Architects di Alessandro e Camillo Gubitosi, Poiesis Architetti, MT-A Mario Toraldo Atelier di architettura, Zetastudio di Francesca Faraone, e Manuarino Architettura,  altamente variegate, per un quadro veritiero del mondo ampio del settore, rispecchiando l’architettura partenopea aperta sul paesaggio cittadino, marino, o in tutte le sue caratteristiche dovute ai tipici dislivelli della città, con una valenza culturale di primo rilievo.

  • NEWS - Il Direttore del Parco Archeologico di Pompei Zuchtriegel in visita al Museo di Terzigno

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Nella mattinata del 15 settembre una visita gradita  al MATT - Museo Archeologico Territoriale di Terzigno, del Direttore Gabriel Zuchtriegel, scelto da quest'anno dal Ministro Dario Franceschini alla guida del Parco Archeologico di Pompei. 

     

    Accolto dal Sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, il Direttore ha potuto visitare per la prima volta la struttura comunale e le sale della Mostra archeologica "Pompei oltre le mura - le ville di Terzigno all'ombra del Vesuvio".

     

    Molto apprezzati gli affreschi e i reperti del MATT da parte del Direttore di Pompei. Interessamento particolare, nel corso della visita, è stato dato all'Ambiente 13 con gli affreschi del Triclinio ricostruito nella Sala 4.

     

    Il Direttore Zuchtriegel, già direttore dal 2015 del Parco Archeologico di Paestum e Velia,  ha posto già da subito una particolare attenzione alla realtà archeologica dei siti minori intorno al prestigioso sito di Pompei ed ha voluto visitare il MATT per conoscere anche questa giovane realtà museale del Comune di Terzigno. 

     

    Nel corso dell'incontro, il Sindaco Ranieri ha illustrato a Zuchtriegel, il più giovane direttore alla guida di un museo italiano, le attività messe in campo dall'Amministrazione Comunale, in particolare la realizzazione del Parco Archeologico Geologico Naturalistico di cava Ranieri, oltre che della costituzione del Polo Tutistico Locale dell'Area Vesuviana e quelle per presentare una candidatura, delle città aderenti al Polo, a "Città Creative UNESCO". Sono state gettate anche le basi per rafforzare la proficua collaborazione già esistente tra il Parco Archeologico di Pompei e il MATT di Terzigno. In particolare, si è discusso di un ulteriore ampliamento del Matt di Terzigno, dopo l'arrivo del Triclinio, con altri quattro affreschi di grandi dimensioni e numerosi oggetti preziosi tra cui gli argenti rinvenuti nella Villa 2.

     

    Al via, dunque, tutti gli adempimenti amministrativi per rafforzare ulteriormente la presenza di affreschi e oggetti che potranno quindi fare presto ritorno a Terzigno.

  • A PORTICI - Eruzioni del Gusto, in arrivo il grissino alla Colatura di Alici di Cetara Dop e la lavorazione dal vivo del Provolone del Monaco Dop, al Museo Ferroviario di Pietrarsa

    Napoli Magazine Sep 17, 2021 | 05:17 am

    Ricco di degustazioni e curiosità il programma di Eruzioni del Gusto da domani "in cartellone" al Museo Ferroviario di Pietrarsa a Portici.

     

    Fra convegni, degustazioni e presentazioni di prodotti innovativi ci sarà davvero da divertirsi. Fra le novità che saranno presentate nel corso dell'evento spicca sicuramente il matrimonio di sapori fra i grani antichi macinati a pietra e la Colatura di Alici di Cetara Dop.

     

    Ci ha pensato il maestro panificatore Giuseppe Petrella che da tempo realizza prodotti utilizzando una materia prima davvero particolare:

     

     "Presenteremo un grissino davvero speciale. Per realizzarlo abbiamo utilizzato una varietà particolare di farina. L'impasto è realizzato con quella ottenuta dal grano tenero antico macinato a pietra della varietà Gentil Rosso. Nell'impasto abbiamo poi  aggiunto la Colatura di alici di Cetara Dop in emulsione con l'olio evo. Venitelo a provare” conclude Petrella.

     

    E proprio al liquido ambrato della costiera amalfitana è dedicato un panel test d’assaggio inserito nell’ambito del programma di Eruzioni del Gusto. L’appuntamento è fissato per le ore 13 di domenica 19 settembre 2021 nel  Padiglione locomotive a vapore. Presenzieranno al panel test Lucia Di Mauro presidente Associazione per la valorizzazione della Colatura di Alici di Cetara e il professore Vincenzo Peretti docente del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università di Napoli Federico II.

     

    La giornata di lunedì comincia alle 10 con il corso di formazione professionale rivolto ai giornalisti della Campania e intitolato Turismo Economia e Informazione nella deontologia del giornalista.

     

    A seguire alle ore 11,30  nel Padiglione locomotive a vapore  si rinnova il simpatico appuntamento con il Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop. I casari eseguiranno la filatura dal vivo del prodotto in modo da creare il formaggio principe dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina davanti agli occhi di quanti arriveranno a Pietrarsa per assistere all’evento. Presente anche il presidente del Consorzio di Tutela Provolone del Monaco Dop Giosuè De Simone.